Site dedicat tuturor iubitorilor de poezie!

Georgeta T. Stănciulescu într-o altă postură: aceea de protestatară – Pagina 2.


 
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
 
 
 
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
 
 
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
 
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Harababura proceselor penale.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

 

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

 

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

 

 

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Doua pagini din sentinta pusa la dispozitia Georgetei, pentru a declara recurs.

……………………………………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

Prezentarea cazului in Televiziuni

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Recurs in dosarul 3600/P/2002 al judecàtoriei Medgidia, la Tribunalul Constanta, dosar nr 544/P/2003.

 

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

 

 

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

 

 

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

PROTEST LA TRIBUNALUL CONSTANŢA

    (Baladă inspirată din protestul pe care l-am făcut în faţa Tribunalului din Constanţa la al doilea termen din proces, din data de 03.12.2003, orele 8:30, în dosarul privind rejudecarea dispusă de Curtea De Apel din Constanţa, Dosar Nr R/1820/P/2003 al Tribunalului Constanţa, în prezenţa reporterilor de la ziarul: ,,Telegraful” din Constanţa. (Citeşte articolul intitulat: ,,Protest cu coasa în mână”, semnat de jurnalist Robu Sanda). Persoana vizată în acea zi, era doamna judecător şi preşedinte al instanţei, Drăguinea Doina, şefa Tribunalului din Constanţa, care nu a trimis citaţii făptuitorilor, protejându-i de răspunderea penală în faţa legii, fiind  răsplătită pentru ,,bunătatea” sa  cu bunătăţi porcine, că tot se apropia Sfântul Crăciun. Eu, reclamanta, tremuram în frig afară. Dânsa a decis să intre în sală pentru a judeca în aceea zi, doar după o oră de frământări şi presiuni ale avocaţilor care aveau procese, apoi sfătuită probabil de un renumit avocat, dl H., cu faţa rosie de plans, umilă, şi cu tonul dat  la maxima cealaltă a decis în sfârşit, să intre în sală pentru a « judeca ». Cu mine nu a discutat nimeni, semn că aveam dreptate. Au chemat ,,pentru a asigura paza şi ordinea” un poliţist tânăr, simpatic şi educat. Nu am fost amendată sau arestată, nefiind cazul. Procesul mult dorit de noi n-a vrut să-l judece nimeni, nici măcar Curtea Europeană a Drepturilor Omului de la Strassbourg. Atunci îmi rămân trei variante: 1. Să-i judec eu, singură, încălcând legea; 2. Să mă sinucid de durere din vina autorităţilor;  3. Să trag în ţeapă în stiloul meu otrăvind cu cerneală întrega armată de inamici cu care m-am pricopsit, (vă jur cu mâna pe inimă), fără voia mea, şi fără să încalc nici o lege. Niciuna.)

Eu sunt fiica lui Tiberiu Stănciulescu din Ţepeş-Vodă
Care a fost bătut, ucis pe câmp, la 20 august 2000,
Având şi o coasă împlântată în frunte mai mult de 4 centimetri.
L-au aruncat în căruţa sa, peste pepeni, cruzii lui duşmani                                                                                                     
Care sunt liberi, au trecut de atunci mai bine de trei ani.
Iapa lui, cu plânsu-n suflet, toată ziua l-a purtat;
Era slujbă, vai, sărmana! Ca-ntr-un dric l-a legănat!
L-au văzut mai mulţi săteni măcelărit şi s-au îngrozit
De frică n-au anunţat, să nu dea vina pe ei,
Ştiu eu bine care ,,prieteni“- criminali l-au căsăpit.
Trecând  două femei din Siliştea, sat învecinat,
Văzând om cu coasa-n frunte, satu- ntreg au anunţat.
Aveau cu ele o copilă: i-au acoperit privirea
Să nu-i vină mortu-n vis fiindu-i prea grea uimirea.
Criminalii din familia lui Satana şi paznicul Chervase,
Dar-ar-ciuma peste ei,
Au lăsat pe-al meu părinte în căruţa sângerândă
Privind trufaş, înainte, cu gura pân’ la  urechi
Fals au început să râdă.
Era scumpul meu părinte, cel mai bun din sat era,
Întrebaţi pe consăteni, şi v-o spune tot aşa!
Cu ochi blânzi, de căprioară, superbi ochi albastri avea
Doamne, ţine-mă întreagă! Vreau să îl pot răzbuna…
Şi se spune că: ,,Nu-ţi face pielea nici doi bani,
dacă faci la toţi plăcerea, dacă-n viaţă n-ai duşmani.”
Se mai spune: ,,Apără-mă, Doamne, de prieteni, că de duşmani am eu grijă!”
Dar nu ştiu care mi-e  vina, că în trup îmi zace-o schijă!
În transee n-am luptat, nici pe câmpuri n-am zăcut:
Însă cu şacali ai legii am luptat, şi-am să mai lupt.
Criminalii sunt din sat, au neamuri ,,sus”, sunt bogătaşi,
Şi-au tăiat din curte totul pentru porci – Porci din cei graşi.
Pentru omor prin cruzimi: articolale 174-176 Cod Penal
I-au pupat în bot cu toţii: nu i-au citat la Tribunal.
Oameni fini de la Constanţa, inclusiv de la Parchete,
Zâmbeau tâmp, «pe sub mustăţi», cărând porcii în pachete.
Mirosea în satul nostru doar miresme-otrăvitoare:
Maşini scumpe, nemuncite, nu se ştie cine are?!
Porcii-s porci, n-ai ce le face, sub parfum miros prea rău
Precum vipere se-adună: Ferească-te Dumnezeu!!
Am venit înverşunată: M-a spus mie o săteancă
Sigur, că şi-n acest loc a sosit o scroafă-ntreagă.
Ba şi-o gâscă, şi-o viţică, chiar şi cărămizi de bani:
Un pachet e la Domnul Prim’, unul la Domnul General,
Unul la Poliţie, altul la Curtea de Apel,
Şi la Medicina Legală, la fel –
Primind azi comunicare, Doamne, cu fulgere să-i trăzneşti?!
Am citit şi printre rânduri că o nouă spagă – FORTE –
A ajuns la Bucureşti!!
De-asta am venit aici, voi veni cât voi trăi,
Ca să ştiţi: – PENTRU DREPTATE –
Mereu, aprig, voi sări!
 
 
                Începută la data de 02 şi finalizată la 04 decembrie 2003, Constanţa.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

 

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

 

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………………………………….

Anunțuri

Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare / Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Google+

Comentezi folosind contul tău Google+. Dezautentificare / Schimbă )

Conectare la %s

%d blogeri au apreciat asta: