Site dedicat tuturor iubitorilor de poezie!

ITALY. La presentazione dell’ libro "L’anima da vendere”


REFERENTE CULTURALE DELLA CASA DI ARMATA, SIGNOR PROFESSORE GEO VLAD, CAPO DELL’CENACOLO LETERARIO: ”MIHAIL SADOVEANU” DAL CERCHIO MILITARE DI CONSTANTA, ROMANIA.

          Alla Casa Editrice Europolis, in condizioni grafiche da invidiare – è uscito recente, libretto – “L’anima da vendere” – poesie firmate di Georgeta Tutuianu Stanciulescu. Il nome GEORGETA TUTUIANU STANCIULESCU, inizia circolare nei medi cenaclieri di Constanta, 4-5 anni fa, prima alla Casa di Culturà dei Sindacati di Constanta sostenuta di Cenacolo “VERBA – NOVA” condotta di signora bibliotecaria, professoressa, Theodora Sulcà, e Constantin Carnici, e poi al Cenacolo dall’Casa del Armata di Constanta – dove è stata proposta con generosità di signore Geo Vlad (referente culturale la Casa di Armata e capo del Cerchio leterario dell’instituzione). Dopo che a passato tra le forche caudine dei critici dal Cenacolo letterario: “MIHAIL SADOVEANU” da Casa di Armata di Constanta, G.T.Stànciulescu a iniziato – con una ambizione remarcabile! – di bussare alle porte delle redazioni (Case Editrice)…e comincia, timido, di pubblicare i versi (d’amore, specialmente), però, anche di mare e marinai nelle riviste: “TIMONA”, “MAREA NOASTRA”, “DESTINE ADEVARATE”, ”ECRAN MAGAZIN”  E.t.c.

          Dopo che vive una crudele esperienza di vita, quale smuove e tormenta  in un modo più serio possibile il suo equilibrio, il suo stato d’anima, si decide di lasciare indietro le spalle una traccia durabile, accanto le sue  due belle figlie – e…raduna le sue poesie pubblicate tra le coperte di questo primo libro intitolato provocante: “L’ANIMA DA VENDERE”. Anche dall’primo poemo (”L’anima da vendere”), una vera profesione di fede, radiografie delle suoi atroce esperienze di vita tra quale ha passato – ci offre – sopra una piattaforma – sua  anima con la quale ”fa che vuole”, è „in vista” con  ”un buon prezzo”, anche se è  “usato” e  “ha colore di un nero triste”, “insanguinato e stracciato e triste” – e conclude pessimista con una domanda retorica – “Ma senza te, che senso ha esistere?!” – Il volume comprende lirica di un orizzonte aperto, però, ha pure le poesie con carattere sociale, maggior parte delle poesie esprime sentimenti vissute al proprio nella sua vita. Le poeme scorrono, hanno equilibrio, armonie e finezze. Poeta non fa eccesi, trovandosi in questo momento ad un buon livello artistico. G.T.S rifletta la vita dai tanti punti di vista. Abborda temi come: l’amore, allontananza, malinconia, tradizioni popolari, marinaresche – I versi di poeta G.T.S. di speranza, amore, malinconia, pace, fraternità, penetrano, sprofondano, fine al fondo dell’anima… Nelle sue poesie si sente un’anima piena d’amore. L’amore per amante partito sul mare la transforma qualche volta in  “Amore cosmica”:

“Perché mi hai scelto proprio me
Ad mettermi le stelle nelle lacrime, e lacrime nelle stele?”
…Mi hai radunato le nuvole sulla fronte, tempeste nelle ciglia,
Mi hai messo corona sulla cresta credendo che tutto l’Univeso è tuo
Dimenticando ché coppa stellata non sono io…

 Poeta offre alle sue figlie i consigli:

“Non amare un marinaio!”
“Lascia di ardere nasconsta, la malinconia smarrita.
Impara di volare come cinciallegra
Cantandoti l’amore, alzandoti la fiaccola”

Alte volte abborda con dolore temi sociale: (Bambino colpito, bambino infelice, “Dimenticato sotto tiglio”, “Mi duole quando vedo”, “Pulcino di cinciallegra”), vivendo con intensitá i disastri e i dolori del’mondo. Il poema  “La mia mamma” si china umile verso la figura di sua mamma.

“Ci sembrava che fossi stata troppo cattiva
Quando ci litigavi con la tua parola,
Litigaci ancor, mamma mia!”

 Un poema tormentante è quello dedicato “A mio papà”

“Si, sono Vittoria Lipan dal romanzo “Baltagul”
E la mia strada è amara, spinata
Verso la verità, verso il mio caro genitore
Agnello uciso, sacrificato è stato…”

Un poema di finale (di libro) è “Quattro Marzo” dedicata alla sua località di campagna dove è nata, e cresciuta al proprio ed e stata distinta la nostra bella poetessa di oggi. Maggior parte dei suoi poeme attestano, però, un alleanza più vecchia in poesia – il mare ed eros (l’amore): “Cercami!”, “Solo tu”, ”Sento e credo”, ”Noi due”, “Guarda, amor mio, le nuvole”!

“Guarda, amor mio! Fioccano mistero le nuvole…
Non guardare indietro!
Scaldati la tristezza degli occhi
Nell’alba dell’amore
Che ha sbocciato in noi”…
“Alzati tramite liane aromatiche
Purificate nell’acqua e nel fuoco…
Ti aspetto in un’amaca di stelle…”

          Poesie d’amore, confessate con…amore per scelto della sua anima quale parte sempre, parte sempre…“Lasciami ancor gli occhi!”, “Non ho desiderato di più”, ”E passato anche un giorno”, “E troppo tardi”, ”Una rosa rossa”, ”Ti regalerei”, ”Il desiderio”, “Gli occhi tuoi”, ”Mi ritorno di nuovo”, espressi con sincerità, i versi possono avere l’eco nel cuore di quelo chiamato senza fermarsi, ma partito sempre, lontano… In genere, poesie sentimentalista, quale esprime sentimenti  propri, forti, in una forma diretta, senza abusare di metafore o alte figuri di stile che sofisticano, quale cifrano i testi di altri poeti, trasformandoli in enigmistica illeggibile per un lettore normale.  Salutiamo ambizione incontestabile di signora Georgeta Tutuianu Stanciulescu di realizzare una libro di poesie,  “ambizione artistica” che la dimostra, riuscita – in ultima istanza – di questo libro realizzato bello di consigliere editoriale signor Eugen Vasiliu (amico da una vita) con una coperta provocante e sugestive – firmata di Constantin Bâtã, in tutto – un libro riuscito, ben realizzato. 

Auguri a signora G. T. S, buon continuamento e succeso in futuro! Un catreno per G. T. S, – ala presentazione del libro:

“Cara Georgeta, non ti duole
Con un “l’anima da vendere”?!
Ti offro come una carezza
Salute! Pace! Sole!

                                            

 

                             10 MAGGIO 2002, orele 17:00 –

       Casa di Cultura dei Sindacati di Constanta – Sala Piccola

 

PARROCCO  ALA CHIESA “SFANTUL SPIRIDON”, PROFESSORE UNIVERSITARIO  ALA UNIVERSITA DI THEOLOGIE DI CONSTANTA, SIGNORE IONUT HULUBEANU.

          Poesia alor quando serve agli principi fondamentele della fede   cristiana, è una forma di prighiera, una scelta, un modo di avicinarci di Dio, una forma di progresso verso la verità, e in particolar modo, in amore. Quando mi esprimo cosi, mi penso soprattutto al fatto che in Santa Scrittura, nel Vecchio Testamento, abiamo i libri nel quale la prighiera è esprimata in forme versificate. I Psalmi di Davide, o il libro Cantare dei Canzoni. La presenza di questi nel canone di Santa Scrittura (Il Testamento) è, forse, la più chiara prova di fatto che la poesia, accetata di Dio, è, ala fine, un modo di servirLO al nostro Creatore.

          Nel quello che riguarda il libro di sig. Georgeta Tutuianu Stànciulescu, “Anima da vendere”, libro la quale presentazione siamo oggi presenti, essa è una opera non solo desiderata, e anche necesaria in un periodo nel quale la vera sensibilità sembra che è quasi sparita. Conclusionando, è un libro che ha il ruolo di svegliarci dala cattiveria compresa nele giornate nel quale viviamo, un libro segnale di allarme verso la nostra abitudine sbagliata di rassegnarci, verso la cattiveria quotidiana di tutti tipi. La sensibilità diventa in questo modo, un arma contra l’indiferenza e ad abrutizazione, (decadere) generale quale la risentiamo di più o di meno nela nostra vita. Perciò, questo tipo di evento non dovrebe e non poteva pasare inoservato per tutti queli quale rifiutano di rasegnarci, per tutti quelli quale non vogliono fermarsi dal loro cammino per cercare di trovare la strada giusta verso Dio. 

          Leggendo libro dela signora G T.Stànciulescu, osserviamo sin dal inizio aria vasta di tematiche che copre l’autrice: – del amore puro fra gli inamorati, e del amore per i cari: mamma, papà, i figli E.t.c.- del amore verso tutto quelo che ci circonda e nel qualità di servente di Dio, non posso ad non evidenziare specialmente i sentimenti di preocupazioni del anima, di quello tormento quale ci preocupa spesso a molti tra di noi. Quello tormento che sorge dala paura dell alontanamento di Dio, di Quello che ci ha creato e per Quale viviamo: “Tormentato è l’anima mia fin quando non mi riposerò in te”, diceva nei tempi passati Il Felice Augustin. Stesse cose sembra di dirle con altre parole, indiretto, anche signora Georgeta T. Stànciulescu, nele molte tra di suoi poesie:

“Dio! Perché non ti addormenti sulle punte distelle,
Di arrivarti nel sogno buon pensiero che anch’io sono bambino!
Polcino di cinciallegra, con gli occhi profondamente mirati,
Con lacrima arsa, le guance brucciate
Di sole, tristezze ed la malincolia,
Ti cerca la frescheza…Dio! aresti Dio protettore!”

O, nela poesia al quale titolo è stato preso di intera poema – Anima da vendere:

Ti ho offerto ( o, l’anima!) cosi come sei:
Insanguinata ed stracciatta, e triste…
Ma, senza te, ha senso esistere?”

Tanta preocupazione è tormento, e cosi tanto desiderio di autoperfezione nel opera di bene sta iradiando dal libro di signora Georgeta T.Stànciulescu! Infinita preocupazione, che sorge dalla ingiustizia incontrata nel questo mondo: un mondo con molti bambini poveri:

“Bambino, l’anima i angelo mite,
Di mille anni vieni sulla questa terra,
A qualche volta sei dimenticato di fortuna
E non ti trovi tra i tuoi un posto.”

Con la gente indifferente verso i valori santi:

“Non a ddormentato e tranquillo sarrà il tuo sogno.
Ma, l’anima nera supplicherà Dio,
Se della vita di dopo non sei stato preocuppato”

ed esiderio di amelioramento della vita, alimentata di speranza di una conversione più rapida e più profonda:

“Con bene il male risparmiarlo.
I tuoi bambini e dal Mondo amarli!”

e di più, di speranza che  Dio non ci lascierebe:

“Riccordati, Dio, sono un uomo sulla terra.
Impastato minuziosamente, secondo il tuo volto,
Dal acqua e argilla.
Dio! Saresti, Dio, prottetivo”

Il libro della signora Georgeta T. Stànciulescu, è insomato un segnale di allarme, un grido disperato, un protesto verso il male che sembra a volte che a comuoso senza salvezza, l’intero mondo nel quale viviamo. Esso è però, nel stesso tempo, un invito per noi tutti di diventarci più buoni, di diffenderci il mondo nel quale viviamo, e attraverso questa, di diffenderci noi stessi di ombra della morte quale soto molte forme ci asalta ogni passo cercando di distrugere il volto di Dio dentro noi:

“Mi duole quando vedo: l’anima cattiva
l’uomo m’ossando con veleno,
il cane batutto, l’ucello con le ali rote,
minzogna con molte piedi a me mi duole.”

E giusto, per altro, di ringraziare a signora Georgeta T. Stànciulescu per il suo belo regalo che ci ha fatto a noi tutti, questo libro di poesia, quale ha il ruolo di alzarci le nostre anime verso Dio. Eco perché e giusto che anche noi, come poeta accanto a noi, gridiamo con voce alta:

“Amatevi i poeti, buona gente!
Pochi sono quei benedetti con dono divino…
Purificatevi attraverso le parole meraviglie
Alzatevi tramite la poesia regalata”

  

                                                              

                                        10 Maggio 2002,

Casa di Cultura dei Sindacati provincia Constanta, Romania.

 

 

IL CAPO REDATTORE di RIVISTA “TIMONA” dala “LIGA dei MAESTRI MILITARI di MARINA” di CONSTANTA , maestro militare (r.) signore DUMITRU MIHAILESCU.

          L’autrice, Georgeta Tutuianu Stanciulescu, offre ai lettori di poesia il bucaneve tenero e soave della sua anima pura e amante di gente, piantato con cura e sensibilità nelle pagine del libro sugestivo intitolato  “Anima da vendere”. Dimostrando talento e tenacità nel suo modo di esprimere in creazione letteraria, Georgeta Tutuianu ha le carateristiche di poetessa moderna, caratteristiche che la distinguono dai semplici veleitari dela speza. Georgeta Tutuianu  posiede ingeniosità nella trascrizione nei versi di un certo tipo di stato d’animo, spirito in descrizione dei motivi e un analisa filosofica dei fatti, che la confera oggetività del idee e del suo svolgimento. Frutto di una lunga creazione, l’autrice esendo membra dei cenacoli leterarie: “Verba nova” dala Casa di Culturà dei Sindacati Constanta, “ Mihail Sadoveanu” del Cerchio Militare Constanta, e di Società Nazionale di Poesie haiku – Constanta, volumo dei versi che ha visto la luce del tiparo non è altro che una valorosa bijouteria spirituale della distinta signora Georgeta Tutuianu Stànciulescu, una colaboratrice fedele della gazetta “Timona”. Lascio al teoreticiano in letteratura e di più del critico, il privilegio di penetrare in sostanta e l’universo creativo del autrice, a me rimanendomi la gioia di avere in biblioteca, un vero calmante per le anime agitate.  

 

                                                                 2002, Constanta, Romania. 

ALLA SIGNORA GEORGETA TUTUIANU STANCIULESCU AL PRESENTATIONE DELL’SUO PRIMO VOLUME DI VERSI L’ANIMA DA VENDERE 
Il volume di signora Georgeta Tutuianu Stànciulescu, poeta e cantante,
Viene come una nuova mattina, quando, con gli occhi in nebbia
Ti risvegli con il viso davanti al lenzuolo, dopo che la sera scorsa
Ti sei ubriacato,
Quando cerchi su comodino: i pompelmi, limoni o i bicchieri,
E dai di libro….L’ANIMA DA VENDERE !
Leggi delle poesie una – due, e davvero ti risvegli!
Viene la moglie di litigarti, rimproverarti e di strofinarti
Ma tu gli leggi la poesia “Lasciami ancor gli occhi!” (vedi la pagina 10!)
La moglie e arrabbiatissima come un fuoco, ingiuria appellando ai tutti Santi e Dei,
– Senti! Non te la prendere con “la mia mamma” – vedi la pagina 33!
Interessante che il marito è marinaio e fa viaggi lunghissimi
E parte, lasciando a Georgeta tempo libero per scrivere, quando tempo ci vuole
Avendo già il donno della poesia, e lei scrive…
“Non ameresti un marinaio!”
Quando viene dall’viaggio ritorna, trovando sul tavolo poesia: “Cercami !”
E la cerca ai vicini, al parrucchiere, al mercato, ai parenti, ai amici –
Alle ore piccole, quando viene la moglie, la rimprovera: “Dove sei stata?!”
Georgeta Tutuianu Stànciulescu si irrita:
“Sai che!” E gli recita….”Cercami!”
– Poesia – pagina 5
Dice il marito: “Solo nel qualche  posto non ti ho cercato, ma,
Io voglio di trovarti nel letto!”
 
 
                    Per ricordo dall’Ammirale dell’umore romeno, Colonnello di armata,
                                       il signore Ananie Gagniuc, Constantza, 10 maggio 2002.

 

DUMITRU MIU   Dedicazione a signora Georgeta Tutuianu Stanciulescu.
Allegra come una cinciallegra,
Carina come un fiore,
Pubblica un libricino:
“L’anima è da vendere”!
 
Le notti guardando all’orizzonte
La preoccupa solo un pensiero,
E con i bisbigli sulle viottole,
– Solo mio animo la vendo!
 
Altra volta, cara signora,
Quando ti “arabi”, ti “accendi”,
Dimmi solo una parolaccia,
– Solo l’anima vendi?
 
Ragazza piena di misteri,
Sognatrice come un raggio,
Con i sguardi verso il cielo:
– Forse si può negoziare?
 
Molta gente sulla riva,
Batte pianino l’amore,
Ma, una semplice domanda:
– “Chi può essere il compratore?”
 
 
10 Maggio 2002, ora 17: 00.
Casa di Cultura di Constantza, Romania

 

ASPASIA PODARU SPIRT – Collega dell’Associazione Culturale “Pro Basarabia e Bucovina”. A signora Georgeta Tutuianu Stanciulescu.
Ti felicito perchè in fine,
Hai visto il tuo sogno realizzato,
Sogno molto desiderato,
Sogno al quale con malinconia hai sperato.
E nel seguito,
Sul tuo viso si può leggere
Una grande felicità,
E sulle guance e negli sguardi
Un certo stato d’animo.
Cosi, nel mio stile
Rimato, ritmato, versificato,
Ti ho dedicato
Qualcosa che ho intitolato:
A POETA GEORGETA TUTUIANU STANCIULESCU- AL  DEBUTO –
Sei una lottatrice,
Hai lottato e hai vinto
Casa Editrice, quale,
Per i giovani poeti
Più esatto per debuttanti
E una fortezza.
Ma, oggi ci hai invitato qui
Di partecipare
A questa presentazione di libro.
Nella tua postura di poeta
Non faremo eccezione dell’etichetta.
E se sarà bisogno criticare
Ho di lodare,
Ma, mi domando:
Quando ti applaudiremo
In un’altra ipostasi?
In quella di cantante
Perché scrivere le poesie
Come  “L’anima da vendere”
O di cantare d’anima blu e di malinconia
Non è facile,
E non a portata di mano dei tutti.
 
 
Constanta, 10 Maggio, 2002.

 

 

Anunțuri

Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare / Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Google+

Comentezi folosind contul tău Google+. Dezautentificare / Schimbă )

Conectare la %s

%d blogeri au apreciat asta: